I rumori degli impianti

I rumori degli impianti

I rumori degli impianti

Gli impianti che usualmente interessano la problematica del rumore dell’edificio, in ordine di importanza, sono gli impianti di riscaldamento, condizionamento e ventilazione, gli impianti idrici e gli impianti per ascensori e montacarichi.

Altri tipi di impianti, o perchè a funzionamento episodico (sistema anti-incendio) o perchè non rumorosi intrinsecamente (es. impianto elettrico) non necessitano di particolare considerazione, salvo il caso che il loro lay-out e la loro messa in opera non degradino il fonoisolamento previsto per altri scopi.

Il rumore degli impianti idrici e sanitari

Il rumore emesso dagli impianti idrico-sanitari è una delle principali fonti di disturbo negli edifici, lo scrosciare dell’acqua all’interno delle tubazioni provoca infatti rumore aereo e vibrazioni del tubo. La regola principale è in questo caso è isolare la rete di scarico dal resto della struttura adottando soluzioni progettuali che:

-        inseriscano le tubazioni in appositi cavedi impiantistici ed evitino di incassarle soprattutto nelle parete divisorie fra unità immobiliari;

-        eliminino tutti i possibili collegamenti rigidi tra le tubazioni e le strutture laterali,

-        desolidarizzino la posa dei sanitari (lavabi, w.c., vasche e piatti doccia) dalle murature mediante interposizione di strati elastici;

Impianti a funzionamento continuo e impianto elettrico

La rumorosità degli impianti a funzionamento continuo (riscaldamento, condizionamento, aerazione), con lo sviluppo delle crescenti esigenze di controllo termoigrometrico di involucri edilizi sempre più stagni, è una problematica sempre più importante che va controllata all’origine in fase progettuale con un’attenta scelta di macchine e materiali con caratteristiche acustiche certificate e con una definizione del lay-out dell’impianto e delle sue condizioni operative, il tutto, unito ad una scrupolosa descrizione delle modalità di installazione e di collegamento alle parti murarie.

Le vie di trasmissione dei rumori di queste tipologie di impianti avvengono sia per via aerea che per via solida, attraverso le vibrazioni che gli impianti trasmettono direttamente alle strutture edili su cui appoggiano o a cui sono collegati e alle vibrazioni trasmesse alla rete dalle tubazioni.

Nel caso più semplice di una centrale termica le principali fonti di rumore sono il bruciatore, la caldaia, la canna fumaria e le pompe di circolazione.

Gli impianti elettrici degli edifici residenziali in genere non producono una rumorosità significativa da imporre particolari precauzioni di isolamento ed in genere è sufficiente l’accortezza di evitare di  contrapporre le scatole elettriche e gli interruttori elettrici nella stessa parete.